#23

Marilyn Manson – The Mephistopheles Of Los Angeles

MM

MM

Publicado el 11 may. 2015

“Mephistopheles of Los Angeles” it taken from the new album, THE PALE EMPEROR, available now wherever music is sold.

Directed By: Francesco Carrozzini
Featuring Michael K. Williams

 

Le Mystère Des Nombres Premiers

El misterio de los números primos.

Numeros_Primos

Numeros_Primos

Le mystère des nombres premiers, est un documentaire (1h14) qui retrace l’histoire depuis plus de 2.000 ans de cette énigme mathématique qui reste encore un problème d’une telle difficulté à résoudre, que certains scientifiques ont même abandonné par désespoir.Dans ce documentaire, Marcus du Sautoy, chercheur à Oxford, étudie l’histoire fascinante de grands mathématiciens, comme Carl Friedrich Gauss, Bernhard Riemann et Alan Turing, qui ont tous abordé le problème des nombres premiers. Marcus du Sautoy est un spécialiste du domaine. Dans son ouvrage “La musique des premiers”, il fait vivre avec un enthousiasme communicatif la passion dévorante des mathématiciens qui, d’ Euclide à Alain Connes, entre-autres, se sont attaqués à ce problème gigantesque. C’est l’univers exalté des mathématiciens fondamentalistes, un monde où rationalité et folie se côtoient et souvent s’interpénètrent.
“Il faudra encore attendre au moins un million d’années avant que nous comprenions les nombres premiers”, soupirait le mathématicien Paul Erdös peu avant de rendre l’âme. Le mathématicien anglais, Godfrey H. Hardy, voyait dans la théorie des nombres, celle des premiers en particulier, “la plus difficile de toutes les branches des mathématiques”.

Miley Cyrus #23 Isaias 60 – 11 – 20 ¿Sub-cultura? ¿Propaganda? ¿Cultura basura? ¿Cultura Postbélica?

# Tranquilos, no me he tornado LOCO, es solo que me fascina el tratamiento que se hace en La Red de los temas ¿subculturales? a propósito de las “conspiraciones” y cualquier otro tema de los considerados como esotéricos, paranormales, científico ficticios, mágicos, religiosos y filosóficos, etcétera, provenientes de la imaginación humana, de la mitología y el simbolismo, de ese campo extraordinariamente fertil y que tanto miedo nos dá: el desconocimiento. Mi método es el científico, sin duda, pero como la ciencia en nuestros días se vuelve más agnóstica en el sentido de afirmar que nuestro cerebro se encuentra en una fase de desarrollo muy primaria y dejando a un lado el espíritu y sus incógnitas es incapaz de comprender el universo en su totalidad, el humano inventa, pone en funcionamiento desde la percepción de los sentidos pasando por la computación de los datos adquiridos hasta las ideas, conjeturas, cavilaciones, hipótesis y tal vez conclusiones y dogmatismos, ensayo tras ensayo en la aventura vital. La cultura no sabe qué hacer al respecto salvo aprovecharse y difundir en diferentes formatos la gestión de esta nueva modalidad de la superstición para obtener audición y beneficios sin mucha ética. El denominado mundo cultural se ha roto, a nivel global se está conformando inadvertidamente una cultura post-bélica como la acontecida en Europa tras la Primera Guerra Mundial, [el movimiento Dada], como reacción ante el horror de los acontecimientos antes, durante y despues de la destrucción de las Torres Gemelas en NY, la consecuente guerra total contra el terrorismo y sus intervenciones militares, políticas y económicas, ambiente reforzado por la crisis financiera capitalista del 2007 y la caída de Lehman Brothers Holdings Inc, dos mitos derribados en el corazón de NY, la capital del planeta.

by Winston Smith

Atentamente, continuará….

Miley Cyrus #23 Isaias 60 – 11 – 20 ¿Sub-cultura? ¿Propaganda? ¿Cultura basura? ¿Cultura Postbélica? by Winston Smith & Hacksperger’s

30 12 11

30 12 11

#23

#23

Lucas 11:29 (La Biblia de las Américas)

#23

29 Como la multitud se aglomeraba, comenzó a decir: Esta generación es una generación perversa; busca señal, y ninguna señal se le dará, sino la señal de Jonás.

23 – Mike Will ft Miley Cyrus, Wiz, Juici J (Traducida al español HD) mas el video original

Isaias 60 – 11 – 12

11 Tus puertas estarán de continuo abiertas, no se cerrarán de día ni de noche, para que sea traída á ti fortaleza de gentes, y sus reyes conducidos. 12 Porque la gente ó el reino que no te sirviere, perecerá; y del todo serán asoladas.

Salmos 60:11 ^

Danos socorro contra el enemigo, Que vana es la salud de los hombres.

Miley by yrreT

Miley by yrreT

Miley-Cyrus-Uncle-Terry-23

23601211

Ezequiel 23

11  Y aunque su hermana Aholibá vio esto, se corrompió en su pasión[e] más que ella, y sus prostituciones fueron mayores que las prostituciones de su hermana.

Hijos de Babel

30   “Estas cosas se harán contigo porque te has prostituido con las naciones, porque te has contaminado con sus ídolos. 2X

Jonás advierte a Nínive de la destrucción de la ciudad a causa de los pecados de sus habitantes

Cuando se le comisionó por segunda vez para ir a Nínive, Jonás emprendió el largo viaje hacia esa ciudad. “Finalmente Jonás comenzó a entrar en la ciudad por distancia de un día de camino, y siguió proclamando y diciendo: ‘Solo cuarenta días más, y Nínive será derribada’.“.8 La Biblia no dice si Jonás conocía el idioma asirio o si se le facultó de forma milagrosa para hablarlo. Quizás incluso habló en hebreo y alguien que conocía este idioma hizo de intérprete. En tal caso, es posible que las palabras de Jonás suscitaran gran curiosidad y mucha gente se preguntara qué decía ese extranjero.

Después de haber pasado cuarenta días sin que le ocurriera nada a Nínive, Jonás estaba muy disgustado porque Yahveh no había destruido la ciudad. Incluso oró a Dios para que le quitase la vida. Pero Yahveh le contestó con la pregunta: “¿Es con razón que te has enardecido de cólera?“.9 Posteriormente el profeta dejó la ciudad y más tarde se hizo una cabaña. Desde ese lugar, al oriente de Nínive, vigiló para ver lo que le ocurría a la ciudad.10

Nineveh (English pronunciation: /ˈnɪn.ɪv.ə/AkkadianNinweClassical Syriac: ܢܸܢܘܵܐ; Hebrew: נינוה‎ NīnewēGreek: Νινευή NineuēNaynuwaPersian: نینوا‎ LatinNineve) was an ancient Assyrian city on the eastern bank of the Tigris River, and capital of the Neo-Assyrian Empire. It was the largest city in the world for some fifty years[1] until, after a bitter period of civil war in Assyria itself, it wassacked by an unusual coalition of former subject peoples, the MedesPersiansBabyloniansChaldeansScythians and Cimmerians in 612 BC. Its ruins are across the river from the modern-day major city of Mosul, in the Ninawa Governorate of Iraq.

ATENTADO A TORRES GEMELAS DE NUEVA YORK

ATENTADO A TORRES GEMELAS DE NUEVA YORK

Nineveh was one of the oldest and greatest cities in antiquity. The area was settled as early as 6000 BC and, by 3000 BC, had become an important religious center for worship of the Assyriangoddess Ishtar. The early city (and subsequent buildings) were constructed on a fault line and, consequently, suffered damage from a number of earthquakes. One such event destroyed the first temple of Ishtar, which was then rebuilt in 2260 BC by the Akkadian king Manishtusu.

Ishtar (pronounced /ˈɪʃtɑːr/; Transliteration: DIŠTAR; Akkadian: 𒀭𒈹 DINGIR INANNA; Sumerian 𒀭𒌋𒁯) is the East Semitic Akkadian, Assyrian and Babylonian goddess of fertility, love, war, and sex.[1] She is the counterpart to the Sumerian Inanna, and is the cognate for the Northwest Semitic Aramean goddess Astarte.

Ishtar (pronounced /ˈɪʃtɑːr/; Transliteration: DIŠTAR; Akkadian: 𒀭𒈹 DINGIR INANNA; Sumerian 𒀭𒌋𒁯) is the East Semitic Akkadian, Assyrian and Babylonian goddess of fertility, love, war, and sex.[1] She is the counterpart to the Sumerian Inanna, and is the cognate for the Northwest Semitic Aramean goddess Astarte.

Isthar Inanna

Isthar Inanna

Along the Tigris and Euphrates rivers were many shrines and temples dedicated to Inanna. The House of Heaven (Sumerian: e2-anna; Cuneiform: 𒂍𒀭 E2.AN) temple[6] in Uruk[7] was the greatest of these, where sacred prostitution was a common practice.[8] In addition, according to Leick (1994) persons of asexual or hermaphroditic bodies and feminine men were particularly involved in the worship and ritual practices of Inanna’s temples (see gala). The deity of this fourth-millennium city was probably originally An. After its dedication to Inanna the temple seems to have housed priestesses of the goddess. The high priestess would choose for her bed a young man who represented the shepherd Dumuzidconsort of Inanna, in a hieros gamos or sacred marriage, celebrated during the annual Akitu(New Year) ceremony, at the spring Equinox. According to Samuel Noah Kramer in The Sacred Marriage Rite, in late Sumerian history (end of the third millennium) kings established their legitimacy by taking the place of Dumuzi in the temple for one night on the tenth day of the New Year festival.[9] A Sacred Marriage to Inanna may have conferred legitimacy on a number of rulers of Uruk. Gilgamesh is reputed to have refused marriage to Inanna, on the grounds of her misalliance with such kings as Lugalbanda and Damuzi.

lucifer, el ángel caído, el portador de la luz.

lucifer, el ángel caído, el portador de la luz.

alas

alas

 

Venus is the second planet from the Sun, orbiting it every 224.7 Earth days.[11] It has no natural satellite. It is named after the Roman goddess of love and beauty. After the Moon, it is the brightest natural object in the night sky, reaching an apparent magnitude of −4.6, bright enough to cast shadows.[12] Because Venus is an inferior planet from Earth, it never appears to venture far from the Sun: its elongation reaches a maximum of 47.8°. Venus reaches its maximum brightness shortly before sunrise or shortly after sunset, for which reason it has been referred to by ancient cultures as the Morning Star or Evening Star.

Venus is a terrestrial planet and is sometimes called Earth’s “sister planet” because of their similar size, gravity, and bulk composition (Venus is both the closest planet to Earth and the planet closest in size to Earth). However, it has also been shown to be very different from Earth in other respects. It has the densest atmosphere of the four terrestrial planets, consisting of more than 96% carbon dioxide. The atmospheric pressure at the planet’s surface is 92 times that of Earth’s. With a mean surface temperature of 735 K (462 °C; 863 °F), Venus is by far the hottest planet in the Solar System. It has no carbon cycle to lock carbon back into rocks and surface features, nor does it seem to have any organic life to absorb it in biomass. Venus is shrouded by an opaque layer of highly reflective clouds of sulfuric acid, preventing its surface from being seen from space in visible light. Venus may have possessed oceans in the past,[13][14] but these would have vaporized as the temperature rose due to a runaway greenhouse effect.[15] The water has most probably photodissociated, and, because of the lack of a planetary magnetic field, the free hydrogen has been swept into interplanetary space by the solar wind.[16] Venus’s surface is a dry desertscape interspersed with slab-like rocks and periodically refreshed by volcanism.

Venus

Venus

Azarel El segundo cielo.

Azarel El segundo cielo.

 

 

Future Illuminati of Miley Cyrus – Real and True ft. Mr Hudson #futureisnow #MileyCyrusMovement #Prometheus

Future & Miley Cyrus “Real and True” feat. Mr Hudson
Buy the single here: http://smarturl.it/futurerealandtrue

Metropolis Prometheus

Metropolis Prometheus

http://www.futurefreebandz.com
http://www.facebook.com/futureofficial
http://www.twitter.com/1future
http://www.instagram.com/future
http://www.youtube.com/officialfuturevideos
http://www.soundcloud.com/futureisnow

PENTAGRAMA2(1)

Miley Cyrus Prometheus

Miley Cyrus Prometheus

Metrópolis Fritz Lang 1927 (completa y subtitulada)

Miley

Miley

Sacrificio

Sacrificio

Miley y el mito de Frankenstein Prometheus

Miley y el mito de Frankenstein Prometheus

Miley Cyrus Loto

Miley Cyrus Loto Venus

El nacimiento de la Venus Miley Cyrus

El nacimiento de la Venus Miley Cyrus

Prometheus

Prometheus

Prometheus y La Civilización Humana

Prometheus y La Civilización Humana Metropolitana

La Metrópolis Civilizada

La Metrópolis Civilizada

Polis

Polis

Blade Runner

Blade Runner

El quinto elemento

El quinto elemento

652025

652025

CiyScape Metropolis

CiyScape Metropolis

Frankenstein

Frankenstein

metropolis-mujer

metropolis-mujer

Sintoniza

Sintoniza

Programación

Programación

Miley Cyrus "La Creación¨"

Miley Cyrus “La Creación¨”

Laboratio de Prometeo donde ofrece al hombre el fuego de los Dioses

Laboratio de Prometeo donde ofrece al hombre el fuego de los Dioses

El Origen de la Civilización Prometeica

El Origen de la Civilización Prometeica

El fuego de los Dioses

El fuego de los Dioses

 

Astronauta MTV ciego

Astronauta MTV ciego

Miley lame el Astronauta

Miley lame el Astronauta

Apollo 11

Apollo 11

Conspiracies and hidden secrets. 0001

The power of the human mind, madness and imagination. There is truth?Some videos for you.

The True History and Purpose of NASA

– See more at: http://algunoslibrosbuenos.blogspot.com.es/#sthash.ZQAoRT9V.dpuf

Metropolis, Prometheus, ADN, program, Prana, Miley, etc

Metropolis, Prometheus, ADN, program, Prana, Miley, etc

Time `Person of the Year`: It`s Narendra Modi vs Miley Cyrus

BJP’s Prime Ministerial candidate Narendra Modi is among Time magazine’s shortlisted candidates for its ‘Person of the Year’ title and has emerged as an early favourite among the readers in an online poll and will compete against Miley Cyrus

Vote Now: Who Should Be TIME’s Person of the Year?

As always, TIME’s editors will choose the Person of the Year, but that doesn’t mean readers shouldn’t have their say. Cast your vote for the person you think most influenced the news this year for better or worse – in both a straight yes/no poll and a candidate face-off. Voting closes at 11:59 p.m. on Dec. 4, and the combined winner of our reader polls will be announced on Dec. 6. TIME’s Person of the Year will be announced Dec. 11.

Read more: Poll Results | Vote Now: Who Should Be TIME’s Person of the Year? | TIME.com http://poy.time.com/2013/11/25/vote-now-who-should-be-times-person-of-the-year/slide/poll-results/#ixzz2mDlKxeWk

Las Sacerdotisas del Nuevo Milenio Imperial #Adoratrizes de #Lucifer 001

Una sacerdotisa es una mujer dedicada a ofrecer o auspiciar sacrificios a ciertas deidades gentilicias y cuidar de sus templos.

Kanorama Adoratriz de Amón

Kanorama Adoratriz de Amón

La escultura fue hallada en Karnak (al-Karnak,الكرنك, “ciudad fortificada”, llamada en el Antiguo Egipto Ipet Sut, “el lugar más venerado”), y representa a Karomamareina de Egipto y divina adoratriz del Templo de Amón, y esposa del faraónOsorkon II, de la dinastía XXII de Egipto, durante el Tercer periodo intermedio de Egipto.

Amon Ra

Amon Ra

Amon Ra

Amon Ra

Ra “Gran Dios” anónimo, demiurgo, dios del cielo, dios del sol y del origen de la vida en la mitología egipcia. Ra era el símbolo de la luz solar, dador de vida, así como responsable del ciclo de la muerte y la resurrección.

Rey Sol Ra - Amon

Rey Sol Ra – Amon

Selene y la Luz

Selene y la Luz

Selene. Si su nombre es griego, está conectado con selas, «luz».

En el arte, Selene era representada como una mujer hermosa de rostro pálido, conduciendo un carro de plata tirado por un yugo de bueyes blancos o un par de caballos. A menudo era retratada montando un caballo o un toro, vistiendo túnicas, llevando una media luna sobre su cabeza y portando una antorcha.

Selene (Σελήνη, “luna”) era en la mitología griega una diosa lunar arcaica (pre-helénica) , hija de los titanes Hiperión y Tía; aunque con el tiempo fue suplantada en gran medida por Ártemis o Artemisa como diosa de la Luna. Selene pasó a ser una personificación del propio satélite lunar. Selene pasó a formar parte de una tríada compuesta por Ártemisa, Selene y Hécate en la cual representaban la Luna Creciente, La Luna Llena y la Luna Decreciente/Nueva respectivamente, simbolizando así los tres aspectos de la diosa: Doncella, Madre y Vieja/Hechicera.

En la mitología griega pre-olímpica Selene era hermana de Helios, el Sol, y una vez que éste abandonaba el firmamento ella, recién bañada en las aguas del Océano que circundaba la Tierra comenzaba a recorrer el firmamento montada en su carro de plata.

Selene

Selene

Prometheus hace alusión al Titán Prometeo de la mitología Griega que según la tradición desobedeció a los dioses trayendo desde el cielo, el fuego a la humanidad, con lo cual dio origen a la civilización.

Prometeo by Piero di Cosimo

Prometeo by Piero di Cosimo

La figura di Prometeo viene restituita dal mito antico come una figura doppia. Nella tragedia eschilea superstite non è una figura risolta: è il trasgressore, ribelle che si oppone all’ordine divino, ma anche il benefattore dell’umanità, il dio che si priva della sua condizione divina per l’uomo e per questo è sottoposto al castigo doloroso che tutti conosciamo; altrove è anche il dio creatore che plasma simulacri e procura loro la vita.

Proprio questa ambivalenza, questa domanda lasciata aperta dal mito classico ha intrigato numerosi autori delle moderne letterature occidentali: che cosa rappresenta Prometeo? il colpevole? l’innocente? l’anti-dio? il dio buono? il senza-dio? il super-uomo? l’uomo alle prese con la propria coscienza?

Alcuni autori hanno così accostato il mito trovandovi una fonte di pensiero e di ispirazione, ne hanno quindi prodotto una rivisitazione, parziale o completa, vitale e appassionante che testimonia la sopravvivenza del pensiero mitopoietico anche in tempi molto lontani dal mondo classico.

C’è stato anche chi si è appassionato soprattutto alla lettura eschilea fino addirittura a identificarsi nel mito trovando in Prometeo delle configurazioni del proprio genio.

Molto frequente è stato l’utilizzo ideologico del mito, cioè quando la figura di Prometeo non è stata fonte di pensiero originario, ma immagine da riempire di idee già pensate e da divulgare. Tipico in questo senso è stato ad esempio l’utilizzo politico del mito.

Va inoltre segnalata una vasta produzione di opere sul mito di Prometeo o sull’origine del fuoco finalizzata al divertimento o alla messinscena spettacolare.

Non sempre è possibile evidenziare nettamente l’una o l’altra tendenza, ma suggerire queste grandi linee di sviluppo del mito è utile per avere un criterio con cui aggirarsi all’interno di una produzione vasta e molto lunga nel tempo. Se poi la ricerca volesse seguire non solo la produzione di intere opere dedicate a questo mito, ma anche il filo delle idee che il mito ha generato, penso che la rassegna sarebbe ancor più vasta, suggestiva e implicata con gran parte della cultura occidentale.

D’altra parte miti connessi con l’universale problema dell’origine del fuoco e della civiltà appartengono alla cultura universale.

Medioevo

Grandi autori cristiani alto-medievali che avevano risolto il problema della mediazione fra cultura pagana e cristianesimo cercando il più possibile nella cultura classica le anticipazioni della verità cristiana recuperano Prometeo come figura di Cristo. Gli elementi ci sono: il dio che ama tanto l’uomo fino a sacrificarsi per lui, la passione di Prometeo, il Caucaso ~ Calvario, le Oceanine ~ pie donne, il dio che plasma simulacri.

Più avanti nel Basso Medioevo del mito di Prometeo prevale piuttosto l’aspetto del ribelle a Dio e quindi viene demonizzato e dimenticato.

‘300, ‘400 e ‘500

Il Boccaccio preumanista legge il mito di Prometeo in autori greci e latini: Ovidio, Esiodo, Grazio, Agostino, Eusebio, Lattanzio, Plinio il Vecchio, ma è particolarmente colpito dalla lettura allegorica e fìlosofica del mito. Nel suo grande trattato mitologico Genealogia Deorum Gentilium (1350-1375) trova posto la sua rielaborazione del mito prometeico. Il titano è simbolo del sapiente, l’eroe della conoscenza che ha liberato l’uomo dalla condizione primitiva e gli ha dato la volontà di realizzarsi da solo e non più in funzione di una divinità trascendente. Ogni elemento del mito è letto in chiave metaforica: il Caucaso è la solitudine, l’incatenamento sul Caucaso non è una tortura, ma l’immagine dell’intelligenza legata alla ricerca; l’aquila è simbolo delle alte considerazioni che tormentano il ricercatore solitario. Boccaccio non apprende il mito dai dizionari di mitologia e dalle compilazioni, come ho già detto, conosce ovviamente il latino e primo fra i letterati del suo tempo apprende il greco dal monaco calabrese Leonzio Filato che sopporta ospite in casa propria pur di sfruttarne gli ammaestramenti. La figura di Prometeo che dispensa agli uomini la conoscenza forse intrigò particolarmente l’autore che si sentì fiero di aver introdotto per primo nel mondo neolatino la grande cultura greca origine del sapere.

Nel ‘400 l’esempio di Boccaccio rimane paradigmatico. Nel Rinascimento il mito di Prometeo ricorre senza però opere interamente dedicate. Del 1556 è la prima traduzione latina dell’opera eschilea che era stata già editata nel 1518:

Il Seicento vede il ritorno del mito sulle scene. Ciò che colpisce il gusto del secolo è più che il contenuto del mito la possibilità che la presenza del fuoco nel racconto mitico offriva di realizzare sontuose e mirabolanti messinscene.

Fa eccezione per la cura al contenuto, pur realizzando sempre un’opera spettacolo, la commedia mitologica di Calderón de la BarcaLa estatua del Prometeo del 1669. L’opera si pone in continuità con quella del Boccaccio sia perché ne riprende lo schema mitologico, sia perché prevale l’impostazione allegorica. Anche qui ciò che interessa della figura di Prometeo che non è più dio, ma essere mortale, è la sua funzione di dispensatore di sapienza. Gli elementi sono presentati per simmetrie e parallelismi secondo il gusto del teatro seicentesco: Prometeo è il sapiente astrologo e filosofo dedito allo studio, Epimeteo è l’uomo d’azione e della natura, dedito alla caccia; Minerva dea della ragione è venerata da Prometeo, mentre Pallade, dea della guerra, è adorata da Epimeteo (l’opposizione fra i due fratelli è già di Esiodo); è plasmata da Prometeo la statua di Pandora di cui però si innamora Epimeteo, ma Pandora ama Prometeo; Minerva fa ascendere al cielo Prometeo per scegliere un dono, il dono scelto è la luce del Sole-Apollo; l’antagonismo Minerva-Pallade (uomini civilizzati-uomini bellicosi) fa scoppiare la guerra; Pandora è condannata quale causa del male, Prometeo da cavaliere vuole difenderla e è incarcerato; l’intervento di Apollo sistema le cose: Prometeo e Pandora si amano e si sposano, Epimeteo guarisce dalla passione, finisce la guerra. L’interpretazione allegorica ha un nucleo centrale nell’opposizione ragione-passione e la sapienza è l’unica vera luce che viene dal cielo. L’opera di Calderón rimane la prima grande opera dedicata a Prometeo dalla tragedia eschilea.

Il ‘700

È nel 1740 con la Pandora di Voltaire (operetta in cinque atti, libretto per melodramma) che viene finalmente recuperato il grande motivo eschileo della lotta del titano contro Giove e i celesti. Prometeo non è qui il sapiente, ma colui che agisce seguendo il dio che regna nel suo cuore, cioè Amore. La contesa fra Prometeo e i titani da una parte e Giove e i celesti dall’altra è Pandora, la creatura di Prometeo che egli ama a sua volta riamato. Giove invaghitosene manda Mercurio a rapirla. È in nome della giustizia e della libertà, soffiano i venti della rivoluzione, che i Titani ingaggiano battaglia contro i celesti-tiranni (ovviamente). Amore, fonte unica di felicità per gli uomini, infine riscatta tutto riportando l’ordine e la giustizia.

Nel settecento oltre a continuare l’utilizzo del mito di Prometeo come semplice divertimento o satira dell’eterno femminino, vi si aggiungono temi più seri. Interessante è lo svilupparsi di una prospettiva pessimistica in cui Prometeo è visto negativamente. Rousseau ad esempio sostiene la tesi di Prometeo corruttore del felice stato naturale dell’umanità. Il mito si inserisce così nei grandi dibattiti sul progresso scientifico e progresso morale e alla già ambivalente interpretazione del mito si aggiunge un altro doppio: Prometeo colpevole, malefico ~ Prometeo innocente e benefico per l’umanità. È la protesta contro lo spirito illuminista.

Un altro autore settecentesco, Shaftesbury, teso a rivalutare il mito di Prometeo, si sofferma hi particolare sull’aspetto di Prometeo creatore di poesia e arte.

Fu questo Prometeo estetico a influire su Goethe e a suggestionare la fase giovanile e sturmeriana dell’autore tedesco.

Nel titano demiurgo e creatore Goethe si identificò quando volle diventare il poeta “artefice” di uomini dalla “grandezza colossale”.

Due sono le raffigurazioni del genio goethiano, l’immagine del viandante prima e in seguito quella del titano demiurgo legata alla scoperta del demoniaco in se stesso e nella natura. Nascono in questo momento il Prometheus,tragedia di cui furono scritti solo due atti, e nell’autunno dello stesso 1773 viene composto l’inno Prometeo che avrebbe dovuto aprire il terzo atto. Prometeo rifiuta di spartire con gli dei il cielo e sceglie la terra, rifiuta anche di far animare dai celesti le figure da lui create; gli uomini da lui plasmati devono riconoscere di non avere bisogno degli dei e devono aver la certezza che questi senza i tributi umani non disporrebbero più del necessario per continuare a esistere; Minerva, anche qui ben disposta verso Prometeo, gli rivela che uomini e dei sono ugualmente sovrastati dal Destino, vera fonte della vita. C’è tutta la revisione romantica del mito eschileo nel genio che si ribella per amore all’umanità e nella finale conferma che tutto è in potere del destino. Da questa posizione giovanile Goethe si evolve e dopo i primi dieci anni dell’esperienza di Weimar il sentimento della natura diventa in lui più contemplativo e purificato, così come si viene formando una nuova concezione del rapporto dell’uomo col divino. Non più ribellione quindi, ma reverenza; l’uomo che trova il suo centro è colui che si autolimita, non il Prometeo che osa misurarsi con gli dei. Il mito viene abbandonato.

Un ritorno al mito è della fase della vecchiaia quando, esaurita la vena fantastica, Goethe riprende i temi della propria giovinezza e li sviluppa in modo nuovo e insospettabile grazie alla saggezza acquisita in seguito a esperienze ricche e molteplici. Esempio di tale atteggiamen­to è il dramma, anche questo incompiuto, Pandora, ripresa ideale della tragedia giovanile interrotta proprio alla scena fra Prometeo e Pandora. Pandora è un dono degli dei che però Prometeo rifiuta, è invece accettata da Epimeteo che ha da lei due figli. Pandora si allontana e Prometeo soffre per il rimpianto di ciò che non ha mai voluto, Epimeteo per la nostalgia di ciò che ha perduto, intanto il figliodi Epimeteo si scontra per gelosia e corre pericoli. È sottolineato il contrasto fra vecchi e giovani e c’è l’esortazione a recuperare i valori dello spirito, dell’arte e della scienza nell’importanza che viene data alla figura di Epimeteo (qui simbolo della saggezza e della contemplazione) e soprattutto nella parte finale in cui Pandora ritornando avrebbe dovuto dare agli uomini in dono i grandi valori neoclassici.

Un verseggiare alla maniera dei classici e un Prometeo-Napoleone che combatte contro il dispotismo terreno è il Prometeo di Vincenzo Monti. L’opera però si rivela di maniera e ben presto superata dagli eventi: Napoleone imperatore preferì la proiezione in Giove signore dell’Olimpo che nel titano ribelle.

Due sono le raffigurazioni del genio goethiano, l’immagine del viandante prima e in seguito quella del titano demiurgo legata alla scoperta del demoniaco in se stesso e nella natura. Nascono in questo momento il Prometheus,tragedia di cui furono scritti solo due atti, e nell’autunno dello stesso 1773 viene composto l’inno Prometeo che avrebbe dovuto aprire il terzo atto. Prometeo rifiuta di spartire con gli dei il cielo e sceglie la terra, rifiuta anche di far animare dai celesti le figure da lui create; gli uomini da lui plasmati devono riconoscere di non avere bisogno degli dei e devono aver la certezza che questi senza i tributi umani non disporrebbero più del necessario per continuare a esistere; Minerva, anche qui ben disposta verso Prometeo, gli rivela che uomini e dei sono ugualmente sovrastati dal Destino, vera fonte della vita. C’è tutta la revisione romantica del mito eschileo nel genio che si ribella per amore all’umanità e nella finale conferma che tutto è in potere del destino. Da questa posizione giovanile Goethe si evolve e dopo i primi dieci anni dell’esperienza di Weimar il sentimento della natura diventa in lui più contemplativo e purificato, così come si viene formando una nuova concezione del rapporto dell’uomo col divino. Non più ribellione quindi, ma reverenza; l’uomo che trova il suo centro è colui che si autolimita, non il Prometeo che osa misurarsi con gli dei. Il mito viene abbandonato.

Un ritorno al mito è della fase della vecchiaia quando, esaurita la vena fantastica, Goethe riprende i temi della propria giovinezza e li sviluppa in modo nuovo e insospettabile grazie alla saggezza acquisita in seguito a esperienze ricche e molteplici. Esempio di tale atteggiamen­to è il dramma, anche questo incompiuto, Pandora, ripresa ideale della tragedia giovanile interrotta proprio alla scena fra Prometeo e Pandora. Pandora è un dono degli dei che però Prometeo rifiuta, è invece accettata da Epimeteo che ha da lei due figli. Pandora si allontana e Prometeo soffre per il rimpianto di ciò che non ha mai voluto, Epimeteo per la nostalgia di ciò che ha perduto, intanto il figliodi Epimeteo si scontra per gelosia e corre pericoli. È sottolineato il contrasto fra vecchi e giovani e c’è l’esortazione a recuperare i valori dello spirito, dell’arte e della scienza nell’importanza che viene data alla figura di Epimeteo (qui simbolo della saggezza e della contemplazione) e soprattutto nella parte finale in cui Pandora ritornando avrebbe dovuto dare agli uomini in dono i grandi valori neoclassici.

Un verseggiare alla maniera dei classici e un Prometeo-Napoleone che combatte contro il dispotismo terreno è il Prometeo di Vincenzo Monti. L’opera però si rivela di maniera e ben presto superata dagli eventi: Napoleone imperatore preferì la proiezione in Giove signore dell’Olimpo che nel titano ribelle.

Ottocento

In epoca romantica il mito o viene rifiutato perché sentito lontano dalla nuova cultura o se ne teorizza la moderna e libera rielaborazione. Percy Bysshe Shelley è su questa seconda linea e trova la giustificazione di questa licenza proprio nell’imitazione degli scrittori tragici greci che già adottavano, secondo le parole del poeta romantico, “a certain arbitrary discretion” nel trattare soggetti tradizionali del mito o della storia. Non c’è dunque interesse a fare una restaurazione del mito eschileo, ma piuttosto a esaltarne e potenziarne il messaggio morale. Fu questa l’epoca in cui il mito di Prometeo ebbe la maggiore popolarità.

L’utilizzo del mito di Prometeo per esprimere ad esempio la fede nel progresso civile dell’umanità fu assai diffuso.

Schlegel volle fondere nel suo poemetto Prometeo (1797) il tema della fede nell’ azione della civiltà con la critica alla rivoluzione france­se, implicito esempio della continua presenza sulla terra delle mitiche sventure e sciagure di Nemesi. Prometeo crea un uomo di argilla capace di essere sempre felice sia nella gioia sia nel dolore, prototipo della nuova umanità che dovrebbe far progredire l’uomo dallo stato di miseria materiale e morate dei tempi antichi. Nemesi però continua a imperversare, come fa notate a Prometeo la madre Temi, ma la fede nell’uomo e nella sua azione di civilizzazione vincerà anche i tempi più iniqui.

Giovanni Daniele Falck, amico di Goethe, afferma nel suo Prometeo (1803) che la civiltà è necessaria all’uomo. Questa volta però Prometeo diventa il sostenitore dello stato di natura dell’uomo contro Giove propugnatore della civiltà e del progresso attraverso le arti. C’è una chiara critica alle tesi roussoiane.

Goffredo Herder esprime la sua fede profonda nel progresso dell’umanità con il suo Prometeo disciolto (1802); qui Prometeo è colui che reca sulla terra la fiamma simbolo della civiltà umana in continuo progresso.

L’interpretazione del mito di Prometeo come vittoria della scienza e dell’ intelligenza umana sarà ripresa più avanti in epoca positivista, con una forte tendenza però a cancellare il ruolo del divino e a divinizzare semmai la scienza.

Il tema già goethiano e di gusto molto romantico del “titanismo”, inteso come rifiuto di un’etica della sottomissione e della fede cieca in nome di un’esigenza di libertà e responsabilità, raccoglie varie interpretazioni di Prometeo.

Il Prometeo in rivolta contro la tirannia e il dispotismo o contro un dio ingiusto e nemico fu frequentemente rappresentato. All’interno di questa opposizione i due antagonisti mutano di volta in volta caratteri­stiche. Prometeo in alcuni autori è il Faust, il Satana, l’angelo caduto che si rivolta titanicamente, lo spirito del male in opposizione al Dio-bene; altrove invece è il giovane dio portatore del bene oppure il riformatore sociale o il filosofo scientista che demistifica il divino e in opposizione Dio sarà rispettivamente l’antico dio della vendetta, l’ordine esistente, la superstizione religiosa.

Interessante la posizione di Byron di fronte al mito. Egli infatti assimila dal personaggio Prometeo, a cui si appassiona leggendo Eschilo, il carattere del titano ribelle. Nel suoPrometeocanto composto nel 1816, esalta la forza d’animo di Prometeo che si raddoppia nelle sventure e nella sfida fino alla morte concepita dal poeta inglese quale vittoria finale.

Il tema della rivolta in senso byroniano continua anche nella seconda metà dell’800, ad esempio in Mario RapisardiLucifero 1877 e in Carducci in I due titani, Rime Nuove, VI, XXXV.

Con il Frankenstein or the modem Prometheus di Mary Shelley del 1818 è sviluppato il tema del Prometeo malfattore e ribelle. Qui il protagonista è fornito del gusto faustiano della conoscenza proibita: si macchia della colpa di ergersi contro Dio nel tentativo di superare i propri limiti cioè dare vita a una nuova creatura; la punizione sarà di essere distrutto dalla sua stessa creatura. Il messaggio è che scienza e ragione umana non possono svilupparsi senza il consenso divino, come anche sostiene Salvatore Viganò nel suo balletto mitologicoPrometeo, 1813.

Il Prometheus Unbound di Shelley, dramma lirico in quattro atti scritto e elaborato fra il 1819 e il 1820, riassume in sé i motivi romantici (perfettibilità dell’uomo, ribellione al dio oppressivo e tiranno in nome della libertà, fede nella scienza e nella ragione). Di segno opposto l’operetta morale di Leopardi La scommessa di Prometeoove Prometeo fallisce perché ha creato il genere sommo per imperfezione: l’uomo. Il fuoco non è segno di progresso, ma di morte.

Il tema politico ricorre soprattutto dopo la restaurazione con l’immagine Prometeo-Napoleone. Quale figura meglio di Prometeo fornisce la possibilità di rappresentare un Napoleone ora visto come strumento della Provvidenza e liberatore, ora come traditore della sua missione? Oppure Prometeo è l’umanità soggiogata dai tiranni che Napoleone non ha saputo liberare.

J. E. Reade nel dramma in dieci scene del 1842 Record of the Pyramids offre la prima interpretazione secondo la prospettiva del socialismo utopico. Celebre l’affermazione di Marx che vuole Prometeo il santo e il martire della filosofia che libera l’uomo dalla superstizione, a cui si uniscono tante altre voci.

Prometeo non è solo il ribelle, ma anche il martire fino a essere identificato con Cristo. È l’interpretazione di E. Quinet che scrive una trilogia Prometeo inventore del fuoco, Prometeo incatenato. Prometeo liberato (1838). Questa interpretazione in senso religioso cristiano del mito avrà un seguito hi altri autori francesi.

Dall’età del positivismo alla prima guerra mondiale il mito di Prometeo continua a essere sfruttato ora per divinizzare la scienza sviluppando come abbiamo visto una posizione già romantica, ora per far rinascere il Dio che la forza della scienza aveva ucciso, ma che l’incertezza e il dubbio risuscitano.

Alexandre Saint-Yves nella tragedia Il mistero del progresso (1878) tenta di riconciliare la volontà umana del progresso con la volontà divina e Prometeo è simbolo della perfettibilità dell’uomo di segno divino, oppure Prometeo e Zeus vengono hi questo senso identificati affermando che sono della stessa natura nel Prometeo donatore di fuoco di Robert Bridges (1883); c’è il tentativo di opporsi all’agnosticismo positivista con una fede senza dogmi e senza chiesa. Si distingue il Delaporte nella trilogia Prometeide (1895) che, pur in una complessiva fedeltà al mito greco, introduce un Prometeo che pur non avendo fatto dei mali soffre dei mali altrui (la somiglianzà a Cristo è evidente) e consegue saggezza e giustizia attraverso la sofferenza.

Altre opere (J.A. SymonsMorte di Prometeo 1880, M. GoldbergPrometeo pentito 1904) rappresentano una rivisitazione del mito in chiave nichilista: Prometeo o muore con gli dei o è dimenticato insieme a Zeus dagli uomini: della sua lotta, del suo tormento non rimane nulla. O ancora E. Delebecque in Morte di Prometeo 1905 conclude il poema con un Prometeo che invoca la morte di prenderlo perché la vita e la volontà di vivere sono malvagia in sé.

Di grande rilievo è il lungo poema in prosa ritmica di Carl Spittler, premio Nobel nel 1919. Si tratta della prima opera del poeta svizzero scritta nel 1881, importante sia per l’interpretazione del mito frutto di un pensiero moderno e originale sia perché testimonia una scelta poetica dell’autore di segno contrario al gusto contemporaneo. Spittler infatti attraverso la lettura dell’ Orlando Furioso si convince che in forma di racconto fantastico, ricco di immagini e di mitiche figure si potevano efficacemente rappresentare anche i moderni conflitti di pensiero, descrivere i grandi impeti collettivi, giudicare gli uomini. Fin dall’intro­duzione del Prometeo e Epimeteo si coglie il tema centrale della riflessione di Spittler sul mito inquadrabile nel pensiero filosofìco del periodo (Hegel, Nietzsche, Schopenhauer); l’eroicità di Prometeo sta nella scelta radicale di vivere secondo un unico comandamento: il bisbiglio della propria anima contro tutte le regole e le ipocrisie della morale corrente; non c’è più filantropia, c’è individualismo eroico.

È un racconto mitico in quanto vi operano figure analoghe a quelle del mito antico, ma la loro personalità è ripensata in chiave moderna Prometeo non è il titano ellenico e neppure è l’orgoglioso ribelle di Goethe; non ha rapito il fuoco dal ciclo, né l’aquila gli rode il fegato sul Caucaso. È invece una mitica personificazione dell’ideale etico ed umano dell’autore. Tutta la vicenda del poema è incentrata sulla rappre­sentazione simbolica del contrasto dialettico fra due concezioni di vita: quella dell’autore e quella di tanta parte dell’umanità lusingata dagli splendori mondani. Prometeo si ritira dal consorzio umano in nome della libertà della propria anima e affronta in letizia le prove più dure; Epimeteo,lusingato dall’angelo sollecito dell’ordine e del bene comune del mondo, sacrifica la propria libertà spirituale e conquista il trono. Il gesto di Prometeo è un gesto di ribellione contro tutti gli opportunismi e le costrizioni della coscienza, contro gli splendori terreni che traviano dalla verità e alla fine trionfa salvando anche la traviata anima di Epimeteo.

Per certi aspetti richiama l’opera di Spittler il Prometeo mal incatenalo di Gide (1899). Qui però non vi è tono epico o trasfigurazione fantastica, il mito viene “desacralizzato” e annullato. I personaggi sono uomini moderni incontragli nei boulevards di Parigi, la vicenda diviene assurda perché la vita è assurda se non si è capaci di ribellarsi alle convenzioni per credere solo nell’io.

Prometeo stanco e anchilosato dal mantenere sempre la stessa posizione sul Caucaso si volta sul!’altro fianco e si libera, eccolo a Parigi che scende il boulevard dalla Madeleine a l’Opera, Presto si accorge che l’aquila che gli rode il fegato è la sua coscienza, quindi incomincia a nutrirla abbondantemente contento di vederla imbellire anche a scapito della sua sofferenza e del suo deperimento. Si improvvisa apostolo di un simile modo di vita e fa proseliti dopo una conferenza parigina. Alla fine però si mangia la propria aquila. Il finale è ambiguo come sempre in Gide perché la verità può essere rappresentata solo attraverso specchi deformanti.

Un’opera di inizio secolo sintesi di molte tendenze come era stata per il Romanticismo il Prometeo di Shelley, è E. Bourges La nave, 1904. Prometeo qui insegue un sogno: la fine del mate universale che coinci­derà con la vittoria su Zeus. La creatura che Prometeo progetta è un superuomo che un giorno diventerà dio non con la rivolta, ma con l’evoluzione. Il figlio del titano però vivificato dalla fiamma dell’intel­ligenza nasce cieco e rimprovererà suo padre di averlo creato.

Nel ‘900 si possono individuare alcune ricorrenze:

a) identificazione dell’eroe titano con alcuni geni creativi della storia: Goethe, Mozart, Bruckner etc. ad opera in particolare di autrici femminili

b) desacralizzazione del mito

c) banalizzazione del mito

d) uso del mito a fini propagandistici filonazisti o ami bellici o a favore della lotta di classe

e) esaltazione della tecnologia (dominio pratico sulla natura da cui viene benessere) attraverso Prometeo che diventa il campione del pensiero e della attività umana o visione pessimistica per sentimento dell’assurdo e inquietudine e angoscia creata nell’uomo dal progresso tecnologico

g) Prometeo che ritrova la fede nel fondo della sua coscienza.

Vale la pena soffermarsi sulla riflessione di Albert Camus sul mito di Prometeo nel breve saggio Prometeo agli inferi in L’estate (1946). Camus si interroga sul destino dell’uomo di fronte alla società delle macchine. E’ consapevole che la sua generazione non ha più il compito di cambiare il mondo, ma almeno di preservarlo dalla distruzione.

In questa ottica si inserisce la riflessione sul divario arte ~ macchina, cioè bellezza e aspirazione al benessere, che dichiara insostenibile se si vuoi mantenere l’integrità umana.

“Prometeo è l’eroe che amò troppo gli uomini per donare loro nello stesso tempo il fuoco e la libertà, le tecniche e le arti. L’umanità oggi ha bisogno e si cura soltanto delle tecniche. Essa si ribella attraverso le sue macchine, considera l’arte e ciò che reputa arte come un ostacolo e un segno di servitù. Quel che caratterizza Prometeo è al contrario che non può separare la macchina dall’arte”. La riflessione su Prometeo qui apre la strada a un nuovo umanesimo: il potere di giudicare l’assurdo rende

l’uomo lucido di fronte all’assurdo.

Molto interessante è la considerazione che diede Cesare Pavese al mito di Prometeo nel quadro degli studi che con assiduità intraprese da autodidatta negli anni giovanili. Egli affrontò con gran convinzione e passione la traduzione del poema drammatico di Shelley Prometheus Unbound. In tale esercizio l’autore cercava la propria identità di scrittore secondo il dettato romantico e shelleyniano dell’arte come imitazione.

La passione per Shelley è qui passione per il “poeta del liberato mondo”, e si fonda con quella per il mito di Prometeo. Il poeta inglese attraverso il mito canta l’amore per l’umanità e l’universo e vi infonde gli ideali di libertà della rivoluzione francese; attraverso il risveglio della sensibilità alla bellezza, cioè attraverso la poesia, si attua il risveglio morale e si apre la strada alla libertà.

In questa fase fondamentale per la propria formazione culturale e ideologica, Pavese sulla scia di Shelley alimenta la coscienza del conflitto fra ideali romantici e realtà, inesorabile nell’ottocento come nel novecento. Da qui l’identificazione del giovane scrittore nel Prometeo incatenato alla rupe, stanco, angosciato e soprattutto solo nell’aspirazione al bene in un mondo malvagio e in lotta con l’amore. Questo senso di impotenza, ma nello stesso tempo il “titanico” rifiuto di venire a patti con la propria epoca rimarranno una costante del pensiero dello scrittore piemontese.

Vedi una rilettura della figura di Prometeo da parte del card. Angelo Scola, arcivesvcovo di Milano

Lo spettacolo dedicato a Prometeo presentato da Zetesis al Meeting 2006

Bibliografia

Boccaccio, Genealogia deorum gentiliumIV, e. 44.

Thomas Campion, The Lord’s Masque, 1613;

Andre Catulle, Prometheus sive de origine scientiarum drama, 1613.

Calderón de la Barca, La estatua del Prometeo, Comedias V, 1669.

Bergamori, Prometeo liberato, 1683.

Shaftesbury, Soliloquio o consiglio a un autore, 1710.

J.J. Rousseau, Discorso sulle scienze e sulle arti1750.

Voltaire, Pandora1740.

Schlegel, Prometeo1797.

Mary Shelley, Frankenstein or the modem Prometheus18XX.

Goethe, Prometheus in Opere, 1830.

Byron, Prometeo (canto); Età di bronzo 1823.

Leopardi, La scommessa di Prometeo, Operette Morali.

P.B. Shelley, Prometeo liberato1820.

Marx, Differenza della filosofia della natura presso Democrito e presso Epicuro, pp. XIV, XV.

E. von Feuchtersleben, Prometeo, 1829.

A. Pasquet, Prometeo, 1838.

L. Schefer, Prometeo e il guardiano notturno, 1846.

L. Menard, Prometeo liberato, 1843.

E. Grenier, Prometeo liberato, 1857.

Spittler, Prometeo e Epimeteo, in Scrittori del mondo: i Nobel, UTET 1970.

Gide, Il Prometeo mal incatenato, Einaudi.

M. Morhardth, Prometeo, 1919.

G. Shoeppel, Prometeo, 1938.

E. Gerabek, Prometeo, 1955.

Camus, Prometeo agli inferì, L’Estate 1946.

M. Aub, Confessioni di Prometeo N., 1960.

P.B. Shelley, Prometeo Slegato, trad. di C. Pavese, Einaudi 1997.

CUADRO RENACENTISTA EN EL QUE SE REPRESENTA EL MOMENTO DEL SACRIFICIO DE IFIGENIA A LA DIOSA ARTEMISA

CUADRO RENACENTISTA EN EL QUE SE REPRESENTA EL MOMENTO DEL SACRIFICIO DE IFIGENIA A LA DIOSA ARTEMISA

En la mismísima Capilla Sixtina del Vaticano, observando a la jerarquía desde arriba, Miguel Angel colocó a tres mujeres ejerciendo papeles de sacerdotisas.

En la mismísima Capilla Sixtina del Vaticano, observando a la jerarquía desde arriba, Miguel Angel colocó a tres mujeres ejerciendo papeles de sacerdotisas.

En nuestro dias, el instrumento (tool) de una cultura moderna decadente y degenerada, (ese método de manipulación, adiestramiento y programación), imita la luz del conocimiento clasico, hermético y secreto, degradado y disminuido unas veces por la ignorancia de los promotores, otras veces con un propósito concreto que reduce la sabiduría de los iniciados a dramatizaciones vulgarizadas, para que a través de figuras popularizadas y promocionadas que invaden los medios de comunicación de masas, como nuevas sacerdotisas que ofrendan a sus amos perversos las energías del público global. Ellas sacrifican la masa humana zombificada como modernas vampiras que debilitan mediante psicodramas hipnoticos a los adoradores fanáticos ofreciendo dádivas de sangre virtual a los magos que dominan el mundo.

Sacerdotisa Lady Gaga

Sacerdotisa Lady Gaga

Lady Gaga – ARTPOP (VEVO Presents)

La iniciación

La iniciación

Atenaida. Godward.

Atenaida. Godward.

miley-cyrus-by-terry-richardson-for-harpers-bazaar-us-september-2013-in-haute-couture

miley-cyrus-by-terry-richardson-for-harpers-bazaar-us-september-2013-in-haute-couture

Mike WiLL Made-It ft. Miley Cyrus, Wiz Khalifa & Juicy J – 23 (Explicit)

52349234 6456304

52349234 6456304

Sacrificio y Adoración

Sacrificio y Adoración

altar-de-noc3a9-vaticano1

continuará………..

23 (Explicit) Mike WiLL Made-It ft. Miley Cyrus, Wiz Kh…. #23 #number #twentythirdians

http://www.mikewillmade.it/ #23

23 Miley Cyrus

23 Miley Cyrus

hqdefault

 

#23

#23

Lo cierto es que hay coincidencias que dan que pensar. Los seres humanos tenemos 23 pares de cromosomas en nuestro ADN y el número 23 es el que determina el sexo. También tenemos 23 discos vertebrales. La sangre tarda en recorrer el cuerpo unos 23 segundos. Una cabellera humana puede sostener un peso de hasta 23 toneladas. El ciclo físico de los biorritmos es de 23 días. El eje de la Tierra tiene una inclinación de 23 grados y medio respecto al Ecuador. El oráculo taoista I Ching se lee tras lanzar seis veces dos monedas, con valor de 2 y de 3, y el significado de su hexagrama número 23 es caos, separación, desintegración. Destrucción que los mayas pronosticaron para el 23 de diciembre de 2012 y que identificaron con el fin del mundo.
Una serie de aparentes coincidencias que para muchos son algo más. Y es que los “vigésimo terceros” o twenty thirdians se han dedicado a buscar las coincidencias que se producen en torno al número 23 y han confeccionado una lista prácticamente inacabable. Sólo las ciencias matemáticas ofrecen multitud de casos: el 23 está formado por la concatenación de los dos primeros números primos; es la cifra entera más grande que no constituye la suma de potencias distintas y el primo más pequeño para el que la suma de los cuadrados de sus dígitos es también un primo impar, así como el número primo más pequeño con dígitos consecutivos. Asimismo, es el resultado de sumar tres veces el tercer primo (5) más dos veces el segundo primo (3) más una vez el primer primo (2). El 23 es igual a la suma de 5 más 7 más 11, una operación en la que aparecen los cinco primeros números primos: 2, 3, 5, 7 y 11. Además, en 1900 el matemático David Hilbert propuso una lista con 23 problemas matemáticos, los llamados Problemas de Hilbert, que en la actualidad continúan sin resolverse. En otros campos científicos, como el de la química, este número también destaca, ya que el 23 de octubre se celebra el día del Mol en honor al número de Avogadro, que es el resultado de multiplicar 6,02 por un uno seguido por 23 ceros. En estadística encontramos la evidencia de que en una habitación con sólo 23 personas existe una probabilidad mayor al 50% de que dos de ellas hayan nacido el mismo día. Más aún, el 23 aparece en multitud de circunstancias históricas y literarias. El emperador Julio César fue apuñalado 23 veces cuando fue asesinado. Según el arzobispo irlandés Ussher, la creación del mundo se produjo el 23 de octubre del año 4004 a.C. Los personajes creados por el escritor Arthur Conan Doyle, Sherlock Holmes y su inseparable doctor Watson, vivieron en el 221 B de Baker Street durante 23 años.

Jim Carrey on The Number 23 Enigma

 

lselkxc

23 Enigma

Numerology 101 Part 1 (1 of 230) – Pyramid Equation

http://www.einstein314.com

“23” Trailer – Michael Jordan Movie

michael_jordan 23

michael_jordan 23